Posted on

Disturbo Della Quiete Pubblica

Abito a 100 metri da un bar che ha messo tavolini all’aperto, con musica e orchestra con casse acustiche amplificate gigantesche. Nel mio comune, Ospitaletto , un parco comunale è stato attrezzato per feste popolari che si svolgono durante tutti i fine settimana estivi da metà giugno a metà settembre per 36/39 giorni in totale. A poco distanza c’è la zona artigianale o industriale con la presenza di una ditta di raccolta e lavorazione di ferro. Quando siamo andati ad abitare lì, l’attività era poca , ora da circa due anni è aumentata in maniera esorbitante.

Gli orari e le regole per effettuare dei lavori nella propria abitazione, come abbiamo visto, sono cosa complessa e fonte di innumerevoli liti tra condomini. La regola principale, come in moltissime altre situazioni, è quella del buon senso. Per lavori di ristrutturazione si intendono tutte le opere di manutenzione che ogni proprietario di casa deve apportare alla propria abitazione.

Mi è stato locato un locale di circa 100 mq con antistante terreno di 120 mq, e le opere dalla pavimentazione alla realizzazione di wc, cucina, intonaco e tutto quanto concerne sia l’attività e non, sono state eseguite da me, il tutto per un valore di 80 mila Euro. Alla fine dei lavori il locatore ha solo voluto scalare dall’affitto 15 mila Euro. L’unico reato che commettono è quello di urinare li a pochi metri, ma ovviamente la polizia non è mai riuscita a coglierli in fragranza di reato.

E’ un problema di tutta la città ed in particolare nel nostro incrocio Corso Colombo, Viale Gorizia, viale Coni Zugna , Piazza Cantore e si estende fino alla Stazione di Porta Genova. Da tali rilievi è risultato che l’azienda supera i limiti fonometrici sia diurni che notturni. Il comune ha emesso un ordinanza firmata dal tecnico competente che impone all’azienda di provvedere ad effettuare una bonifica su tutti gli impianti confinanti con la mia abitazione. Il risultato è che non solo l’azienda non ha attuato nulla di quello che doveva fare ma che nell’unico impianto che ha provveduto ad insonorizzare, dopo diversi mesi, ha “manomesso” il box staccando i pannelli e lasciandoli semplicemente appoggiati vanificando completamente la sua funzione. Tutto questo spazio a livello del pavimento del locale (già accatastato come attività commerciale di tipo Uffici, magazzini di vendita e attività artigianale, tutto corrispondendo al PRG del Comune) è stato rilasciato una licenza di somministrazione, in contrasto con il PRG stesso . Ho, anzi, abbiamo un problema io e il mio vicino di casa, abitando in una villa bifamigliare.

Tieni conto però che, seppure è possibile una denuncia anonima, dovresti essere in grado di dimostrare che si sta commettendo un illecito civile. La mía casa si trova in un condominio dove siamo tutti in affitto. Al piano terra si trova casa mia che è una casa indipendente con giardino, intorno al mio giardino c’e l’accesso alla scala della palazzina di 2 piani che si trova nello stesso perimetro della proprietà di un unico proprietario che ci affitta tutti gli immobili. Abbiamo provato a parlarne gentilmente coi genitori, ma non ci hanno dato retta dato che “il loro rumore avviene in orari consentiti dalle regole condominiali”. Ne abbiamo discusso con l’amministratore, il quale li ha avvertiti, ma da allora la situazione è anche peggiorata. I genitori sono dei prepotenti che credono davvero di avere ragione, in quanto, parole testuali “sono bambini, cosa si può fare?

  • Non è così strano avere un orario diverso durante l’estate, dove le giornate sono più lunghe, e in cui potrebbe esserci, per esempio, una variazione agli orari del silenzio serali.
  • Ma d’estate è impossibile vivere, fare un riposini nel primo pomeriggio, leggere un libro, studiare, semplicemente svegliarsi in maniera naturale, insomma, svolgere tutte quelle attività in cui sarebbe necessario silenzio e concentrazione.
  • Trattasi di uno stabile multietnico in cui vivono anche molte persone in uno stesso appartamento, presumibilmente illegalmente.
  • A questo punto invio un esposto a tutte le autorità competenti allegando visure storiche del catasto delle varie abitazioni presenti nello stabile.

Desidero segnalare una situazione che va via via peggiorando in Strada dei Ronchi a Torino, nel zona di Cavoretto. 7) Ogni mattina passa il mezzo di pulizia stradale che fa parecchio rumore nel pulire il ciottolato con le https://wedding.alldecoratingideas.com/migliori-casino-online-sicuri-2021-in-italia/ spazzole. 4) Gli autobus non sono esenti da questi discorsi sebbene usino la corsia a loro riservata, se non devono fermarsi alla fermata vicino a casa mia proseguono aumentando la velocità.

Anche perché questo succede dal lunedì al giovedì, e poi anche in estate non possiamo tenere le finestre aperte perché non riusciamo nemmeno a sentire il televisore, e oltre alle persone ci si mette pure il suono dell’organo che in estate entra nelle nostre case in un modo esagerato. Già in passato, contro i precedenti gestori, i miei vicini di casa avevano presentato esposto al comune, siccome gli impianti funzionavano anche in piena notte con un rumore fastidioso e intollerabile. Il comune aveva stabilito una fascia oraria notturna secondo la quale i titolari avrebbero dovuto staccare gli impianti di aspirazione e autolavaggio dalle 23 alle 7. Esasperato dall’accaduto, ignorato dal proprietario del bar, mi sono recato in Comune dove ho consegnato un esposto scritto, chiedendo l’intervento dell’Arpa per il monitoraggio. Il Comune mi ha spiegato che “può chiamare l’Arpa solo 3 volte all’anno” e non ha quindi intenzione di farlo per il mio caso. Si è limitato a protocollare la mia richiesta ed inviarla ai vigili urbani .

Da circa otto mesi è stato aperto un bar di fronte casa nostra, dove, apparentemente è una villa di circa 90 mq. Possiamo denunciare l’Amministrazione per la mancanza della V.I.A., omissione di atti d’Ufficio? Anche per i mancati controlli possiamo denunciare appunto l’omissione e di conseguenza il concorso in disturbo della pubblica quiete? http://sugababes.ueuo.com/blog/?p=2052 Terminate le danze del mese di giugno si aprono quelle di luglio ed agosto. Per mia https://wwwbestsitecom.000webhostapp.com/2022/03/gioca-grati-slot-machine fortuna (sic!) dopo liti , dopo quattro anni di mail a tutti gli uffici comunali, le serate sono diventate da sette alla settimana ad una alla settimana. Ora Le spiego perché ho asserito che il primo a non far caso alla legalità è il proprio comune.

Anche in situazioni di questo tipo vale sempre la stessa regola inerente al superamento della soglia di tollerabilità, indicata a 3,5 decibel. I rumori molesti vengono definiti come “immissioni”, in grado di recare fastidio a una persona o comunque a un numero esiguo di soggetti. Durante la procedura d’ufficio, la persona offesa può costituirsi parte civile del processo penale per chiedere il risarcimento dei danni subiti. Una casistica particolare è rappresentata dai locali che diffondono musica live fino a tarda notte e incentivano la presenza di molte persone che potrebbero causare schiamazzi fastidiosi.

Da anni ormai siamo costretti a subire una fastidiosa musica in tutte le ore della giornata durante tutti i giorni della settimana. Più volte è stato richiesto l’intervento delle forze dell’ordine che puntualmente non si sono presentate. Più volte è stato chiesto ai responsabili della struttura di spegnere la musica, ma nonostante le rassicurazioni da parte loro, non è mai cambiato niente.

Veramente grazie mille e scusate le tante domande, ma lo Stato e le Istituzioni ci hanno abbandonati da anni ed è difficile trovare una soluzione. Ciò provoca degrado, sporcizia, insicurezza pubblica, oltre che schiamazzi e fastidi notturni. E’ diventata una situazione insopportabile, il sabato e la domenica, gironi di maggior afflusso, è impossibile stare in casa, riposare difficilissimo, guardare la televisione altrettanto, sembra di avere per 24 ore i cani con i loro latrati in casa. Durante la notte passano in media 2/3 camion ma sono sufficienti a rendere difficile dormire in quanto veniamo svegliati ad ogni passaggio.